OncoGinecologia.net
Neurologia
Cardiologia.net

I bifosfonati, farmaci anti-osteoporosi, aumentano il rischio di grave fibrillazione atriale


Una revisione sistematica di studi randomizzati controllati e studi osservazionali ha mostrato che l'uso dei bifosfonati è associato a un aumento del 27% del rischio di fibrillazione atriale negli studi osservazionali, e, nei soli studi randomizzati controllati, a un aumento del 40% della probabilità di avere una forma grave di fibrillazione atriale.

I pazienti trattati con bifosfonati non hanno presentato un aumentato rischio di ictus o di mortalità cardiovascolare.
Ricerche precedenti avevano mostrato una tendenza verso il rischio di fibrillazione atriale con l’uso di bifosfonati, ma i dati non erano significativi.

È stata condotta una revisione sistematica di studi che hanno valutato il rischio di fibrillazione atriale e di eventi cardiovascolari con l'uso dei bifosfonati, che comprendeva 6 studi osservazionali con 149.856 pazienti e 6 studi randomizzati e controllati con 41.375 pazienti.

Gli studi osservazionali hanno mostrato che l'uso di bifosfonati orali ha aumentato rischio di una forma grave di fibrillazione atriale tra i pazienti senza una precedente storia di fibrillazione atriale, ma avevano una storia di fratture.

I pazienti oncologici che hanno ricevuto i bifosfonati per via endovenosa e non avevano una storia di fibrillazione atriale hanno avuto un aumentato rischio di fibrillazione atriale rispetto ai pazienti con tumore senza esposizione al farmaco.

Non è stata riscontrata alcuna associazione tra uso di bifosfonati e fibrillazione atriale in una coorte basata sulla popolazione di donne osteoporotiche, analizzata in modo retrospettivo, o in 2 database prospettici.

La somministrazione non orale di bifosfonati induce un rilascio del fattore di necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ), interleuchina 6 ( IL-6 ) e inibizione della farnesil pirofosfato sintasi nella via metabolica del mevalonato, provocando l'accumulo di pirofosfato, che, in caso di aumento della concentrazione, può attivare una cascata infiammatoria e alterare l'espressione di proteine che gestiscono il calcio intracellulare e aumentare il rischio di aritmie.

Si è osservato inoltre che la mancanza di associazione tra ictus e uso di bifosfonati potrebbe essere dovuta al breve periodo osservazionale degli studi. Il follow-up, infatti, è stato in media della durata di 2-6 anni, un tempo che potrebbe essere insufficiente a registrare i dati di ictus.

Inoltre, i pazienti osteoporotici sono ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari in modo direttamente proporzionale alla gravità dell'osteoporosi. ( Xagena2013 )

Fonte: Chest, 2013

Endo2013 Cardio2013 Neuro2013 Farma2013


Indietro