Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
XagenaNewsletter

Associazione tra chirurgia metabolica ed esiti avversi cardiovascolari maggiori nei pazienti con diabete di tipo 2 e obesità


Sebbene la chirurgia metabolica ( definita come procedure che influenzano il metabolismo inducendo la perdita di peso e alterando la fisiologia gastrointestinale ) migliori significativamente i fattori di rischio cardiometabolico, l'effetto sugli esiti cardiovascolari è stato meno caratterizzato.

È stata studiata la relazione tra chirurgia metabolica ed eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e obesità.

Su 287.438 pazienti adulti con diabete nel Cleveland Clinic Health System negli Stati Uniti tra il 1998 e il 2017, 2.287 sono stati sottoposti a chirurgia metabolica.
In questo studio di coorte retrospettivo, i pazienti sono stati abbinati a pazienti non-chirurgici con diabete e obesità ( indice di massa corporea [ BMI ] maggiore o uguale a 30 ), risultando in 1.1435 pazienti di controllo, con follow-up fino al 2018.

I pazienti erano stati esposti a procedure chirurgiche gastrointestinali metaboliche versus cure abituali per diabete di tipo 2 e obesità.

L'esito primario era l'incidenza di MACE esteso ( composito di 6 esiti ), definita come prima occorrenza di mortalità per tutte le cause, eventi coronarici, eventi cerebrovascolari, insufficienza cardiaca, nefropatia e fibrillazione atriale.
Gli endpoint secondari includevano MACE a 3 componenti ( infarto miocardico, ictus ischemico e mortalità ) e i 6 singoli componenti dell'endpoint primario.

Tra i 13.722 partecipanti allo studio, la distribuzione delle covariate al basale era bilanciata tra il gruppo chirurgico e il gruppo non-chirurgico, inclusi sesso femminile ( 65.5% vs 64.2% ), età mediana ( 52.5 vs 54.8 anni ), BMI ( 45.1 vs 42.6 ) e livello di emoglobina glicata ( 7.1% vs 7.1% ).

La durata mediana complessiva del follow-up è stata di 3.9 anni.

Alla fine del periodo di studio, 385 pazienti nel gruppo chirurgico e 3.243 pazienti nel gruppo non-chirurgico hanno manifestato un endpoint primario ( incidenza cumulativa a 8 anni, 30.8% nel gruppo di chirurgia e 47.7% nel gruppo non-chirurgico, P minore di 0.001; differenza di rischio assoluta a 8 anni [ ARD, 16.9%; hazard ratio aggiustato, aHR, 0.61 ).

Tutti e 7 i risultati secondari prespecificati hanno mostrato differenze statisticamente significative a favore della chirurgia metabolica, inclusa la mortalità.
La mortalità per qualsiasi causa si è verificata in 112 pazienti nel gruppo di chirurgia metabolica e 1.111 pazienti nel gruppo non-chirurgico ( incidenza cumulativa a 8 anni, 10.0% e 17.8%; ARD, 7.8%; aHR, 0.59 ).

Tra i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e obesità, la chirurgia metabolica, rispetto alla gestione non-chirurgica, è stata associata a un rischio significativamente più basso di MACE incidenti.
I risultati di questo studio osservazionale devono essere confermati in studi clinici randomizzati. ( Xagena2019 )

Aminian A et al, JAMA 2019; 322: 1271-1282

Endo2019 Cardio2019 Chiru2019



Indietro