Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Dermabase.it

Confronto tra diete dimagranti con diverse composizioni di grassi, proteine e carboidrati


I possibili vantaggi di una dieta dimagrante che predilige proteine, grassi o carboidrati non sono stati stabiliti, e sono pochi gli studi della durata superiore ad 1 anno.

Uno studio, coordinato da Ricercatori della Harvard School of Public Health di Boston, negli Stati Uniti, ha assegnato in modo casuale 811 pazienti adulti in sovrappeso a uno di 4 regimi alimentari; le percentuali fissate di energia derivata da grassi, proteine e carboidrati nelle 4 diete erano 20, 15 e 65%; 20, 25 e 55%; 40, 15 e 45% e 40, 25 e 35%.

I 4 regimi alimentari prevedevano il consumo di alimenti simili ed erano in accordo con le lineeguida della salute cardiovascolare.

Ai pazienti sono stati offerti per 2 anni incontri educativi singoli o di gruppo.

L’endpoint primario era il cambiamento nel peso corporeo in un confronto due-a-due di basso contenuto di grassi vs alto contenuto di grassi e medio contenuto di proteine vs alto contenuto di proteine e nel confronto del più alto vs il più basso contenuto di carboidrati.

Dopo 6 mesi, i partecipanti assegnati a ciascuno dei regimi alimentari avevano perso in media 6 kg, pari al 7% del loro peso iniziale; il riacquisto di peso è avvenuto dopo 12 mesi.

A 2 anni, la perdita di peso si è mantenuta simile nelle persone assegnate alla dieta con il 15% di proteine e in quelli assegnati alla dieta con il 25% di proteine ( 3.0 e 3.6 kg, rispettivamente ); in quelli assegnati ad una dieta con il 20% di grassi e in quelli assegnati ad una dieta del 40% di grassi ( 3.3 kg in entrambi i gruppi ); e in quelli assegnati a una dieta con il 65% di carboidrati rispetto a quelli con una dieta con il 35% di carboidrati ( 2.9 e 3.4 kg, rispettivamente ) ( P>0.2 per tutti i confronti ).

Nll’80% dei partecipanti che avevano completato lo studio, la perdita di peso media è stata di 4 kg; il 14-15% dei partecipanti ha mostrato una riduzione di almeno il 10% del loro peso iniziale.

Sazietà, fame, soddisfazione con la dieta e partecipazione agli incontri di gruppo sono risultati simili per tutte le diete; la partecipazione è risultata associata a una maggiore perdita di peso ( 0.2 kg per ogni incontro ).

Le diete hanno migliorato i fattori di rischio legati ai lipidi e i livelli di insulina a digiuno.

In conclusione, i regimi alimentari ipocalorici portano a una perdita di peso clinicamente significativa indipendentemente dai macronutrienti che contengono. ( Xagena2009 )

Sacks FM et al, N Engl J Med 2009; 360: 859-873


Endo2009 Farma2009



Indietro