OncoGinecologia.net
Reumatologia
OncologiaMedica.net
Gastroenterologia.net

L'esposizione a basse dosi di glucocorticoidi aumenta il rischio di fratture osteoporotiche


Tra i pazienti con varie condizioni infiammatorie, l'esposizione ai glucocorticoidi a dosi fino a 5 mg al giorno può essere associata a un aumentato rischio di fratture.

Sono stati utilizzati i dati del database Truven Health MarketScan Commercial Claims and Encounters Database per seguire 403.337 pazienti di età compresa tra 18 e 64 anni con artrite reumatoide ( 10% ), asma / malattia polmonare ostruttiva cronica [ BPCO ] ( 74% ), malattia dell'intestino irritabile ( 9% ), sclerosi multipla, lupus e sarcoidosi.

Alla fine del follow-up, il 72% dei pazienti aveva ricevuto glucocorticoidi sistemici durante lo studio, con il 52% di quelli esposti di età inferiore a 50 anni.
Il 60% dei pazienti esposti aveva ricevuto dosi cumulative inferiori a 675 mg, e l'81% aveva esposizioni a breve termine tra 1 e 90 giorni cumulativi.
Sono state identificate 4.405 fratture post-indice nella coorte, tra cui 1.547 fratture cliniche vertebrali e 685 fratture dell'anca.

Rispetto ai tassi di incidenza durante il tempo non-esposto, l'incidenza di fratture è risultata approssimativamente raddoppiata in presenza di esposizioni a glucocorticoidi, anche alle dosi giornaliere più basse inferiori a 5 mg al giorno ( tasso di incidenza, IR= 9.33 per 1.000 persone-anno, IC 95%, 7.29-11.77 ) verso non-esposto ( IR= 4.87, IC 95%, 4.72-5.02 ).
I risultati persistevano nei pazienti di età sia superiore che inferiore a 50 anni.

L'incidenza non-aggiustata di fratture è aumentata con l'aumento dell'esposizione per tutti i parametri di esposizione, con aumenti molto modesti per la dose di picco.

L'incidenza di fratture nei pazienti con dosi cumulative di 5.400 mg o superiori, o pazienti con più di 365 giorni di esposizione a glucocorticoidi, è risultata quasi raddoppiata rispetto a quella dei pazienti con dosi cumulative da 2.700 mg a 5.400 mg, o da 81 a 365 giorni di esposizione al glucocorticoide.
L'incidenza di fratture in questi pazienti con le dosi e le esposizioni più alte è risultata quasi triplicata rispetto a quella dei pazienti non-esposti.
Pattern comparabili sono stati rilevati per fratture vertebrali cliniche e fratture dell'anca, sebbene la dose giornaliera per le fratture dell'anca non abbia mostrato una tendenza dose-risposta.
Le analisi non-aggiustate hanno prodotto risultati simili.

Gli hazard ratio ( HR ) aggiustati hanno indicato un rischio di fratture significativamente elevato a dosi giornaliere inferiori a 5 mg al giorno, nonché un aumento dose-risposta del rischio di fratture con una dose cumulativa maggiore.
Il rischio a dosi cumulative di 5.400 mg o superiore era circa 2.5 volte più alto rispetto a nessuna esposizione.
Le analisi aggiustate stratificate per dose cumulativa hanno confermato l'aumento del rischio di fratture a dosi giornaliere a partire da meno di 5 mg e a dosi cumulative superiori a 5.400 mg.

Le analisi descrittive stratificate per età hanno rilevato un aumento dose-dipendente dell'incidenza della frattura con una maggiore esposizione cumulativa ai glucocorticoidi nei pazienti di età inferiore ai 50 anni e nei pazienti di età pari o superiore a 50 anni.

In individui di età inferiore a 50 anni, è stato riscontrato un intervallo di incidenza di fratture di 2.44 per 1.000 anni-persona nei pazienti mai esposti a 5-6 per 1.000 anni-persona in quelli con le esposizioni cumulative più elevate.
I pazienti di età pari o superiore a 50 anni avevano tassi di incidenza compresi tra circa 6 e 17 per 1.000 anni-persona in base ai livelli di esposizione.
C'è stato un aumento dei tassi di incidenza delle fratture alle dosi giornaliere più basse sia nei pazienti più giovani che in quelli più anziani; tuttavia, solo il gruppo di età più avanzata ha mostrato un chiaro andamento dose-risposta dell'incidenza di fratture con dosi giornaliere più elevate.
A dosi di 5.400 mg o superiori, i pazienti di età inferiore a 50 anni avevano tassi di incidenza di 5.69 ( IC 95%, 4.32-7.35 ), mentre i pazienti più anziani avevano tassi di incidenza di 17.10 ( IC 95%, 14.97-19.45 ).

Il rischio di fratture è diminuito significativamente nei mesi successivi all'interruzione del glucocorticoide.

In generale, questi risultati hanno indicato che i glucocorticoidi conferiscono un maggior rischio di fratture, anche a basse dosi giornaliere, e il rischio continua ad aumentare con l'aumento dei livelli di esposizione.
Sebbene l'età fosse significativamente associata al rischio di fratture ( incidenza di fratture più bassa tra i pazienti in gruppi di età più giovani rispetto a quelli in età più avanzata ), l'uso di glucocorticoidi è risultato associato a un aumentato rischio di fratture sia nei pazienti più giovani che in quelli più anziani. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Bone and Mineral Research, 2018

Endo2018 Farma2018


Indietro