Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Onco News

L’obesità, una malattia da combattere non solo per l’aspetto estetico


L’obesità è una malattia metabolica causata da fattori acquisiti o ereditari, tra cui l’ eccessiva assunzione di cibo e di calorie, ridotta attività fisica ed influenze genetiche.

Cause
Un eccesso di grasso corporeo è il risultato di un alterato bilancio tra acquisizione e consumo (intake/output) di energia.
La ragione di questo sbilanciamento non è chiara e la relazione tra energetico , immagazzinamento del grasso corporeo e la sua distribuzione, varia da persona a persona.
I fattori che promuovono l’obesità sono una dieta ad alto contenuto di grassi , uno stile di vita sedentario, una minore velocità di metabolismo o una ridotta capacità ad ossidare il grasso.

Misura dell’obesità
Non è facile misurare in modo accurato il peso di una persona, tuttavia un accettato indicatore di obesità è il Body Mass Index ( BMI), indice che mette in correlazione il peso coporeo e l’altezza.
Per calcolare il BMI è necessario dividere il peso in chilogrammi per l’altezza in metri quadrati.
Un BMI di 30 indica obesità, mentre un BMI di 25 uno stato di sovrappeso.
Esistono ovviamente eccezioni. Ad esempio un atleta che ha più massa muscolare e meno grasso corporeo, potrebbe avere un BMI più alto di 30, ma non essere obeso.
Se le persone hanno indice inferiore a 25 presentano un minor rischio di malattia.

Implicazioni cliniche
Le persone obese o in sovrappeso possono andare incontro a malattie cerebrovascolari ( ipertensione, cardiopatia ischemica, ictus), calcolosi biliare, diabete di tipo 2 , gotta, apnea notturna, osteoartrite, infertilità.
L’obesità inoltre può aumentare il rischio di sviluppo di alcune forme tumorali ( carcinoma mammario, carcinoma colo-rettale).
L’accumulo di grasso in posizione addominale ( detto grasso viscerale).è associato a maggiori rischi di insorgenza di resistenza all’insulina, di diabete, dell’ ipertensione e dell’aterosclerosi, che possono causare malattie cardiovascolari, tra cui l’ictus.

Calcolo del grasso viscerale
Per calcolare la distribuzione del grasso corporeo può essere utile il Waist Circumdìference ( WC) ed il Waist/Hip ( WHR).
Per un uomo l’accumulo di grasso all’addome è indicato da un valore di WHR di 1 o da un WC di almeno 100 cm.
Per una donna l’accumulo di grasso viscerale è indicata da un WHR maggiore di 0,8 o da un WC di almeno 88 cm. ( Xagena2002 )


Indietro