Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Dermabase.it

Nateglinide associata alla Metformina nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 , scarsamente controllato dalla sola Metformina


Nel corso dell’Annual Meeting dell’American Diabetes Association ( ADA ) a San Francisco sono stati presentati nuovi dati sull’impiego della Nateglinide nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 non adeguatamente controllato dalla sola Metformina.

La Nateglinide ( Starlix ), associata alla Metformina , ha dimostrato di migliorare il controllo glicemico , misurato come riduzione dei livelli di HbA1c, abbassando in tal modo l’incidenza di complicanze e di mortalità.

Uno studio ( Stratton IM et al , BMJ 2000 ; 321: 405-412 ) aveva dimostrato che la sola riduzione dell’1% dei livelli di HbA1c era associata ad una riduzione del 21% della mortalità per diabete e ad una riduzione del 14% degli eventi cardiovascolari.

Poiché i livelli di HbA1c dipendono sia dalla glicemia a digiuno che da quella post-prandiale l’associazione tra i due farmaci risponde ad un preciso razionale terapeutico. La Metformina infatti agisce sulla glicemia a digiuno , mentre la Nateglinide sulla glicemia post-prandiale.
Il risultato dell’associazione tra Metformina e Nateglinide è una riduzione significativa dei livelli di HbA1c.

Uno studio ha coinvolto 83 pazienti con diabete di tipo 2, non adeguatamente controllato con la sola Metformina , con valori di HbA1c compresi tra il 7% ed il 9,5%.
Questi pazienti sono stati trattati con l’associazione Metformina ( normale dosaggio ) e Nateglinide ( 120 mg ) prima dei pasti.
Il 70% dei pazienti ha presentato una riduzione nell’HbA1c di almeno lo 0,5%.
Nell’arco di 12 settimane la riduzione media dei livelli di HbA1c è stata dello 0,8%.
In soli 3 pazienti ( 3,6%) si è presentata ipoglicemia.

Recentemente è stato pubblicato uno studio ( Marre M et al , Diabetes , Obesity and Metabolism 2002; 4: 1-10 ) , che ha interessato 467 pazienti con diabete di tipo 2, che assumevano un dosaggio di Metformina di 1.500 mg/die , e che presentavano livelli di HbA1c compresi tra 0,8% ed 11%.
I pazienti sono stati randomizzati ad assumere 60 mg di Nateglinide , 120 mg di Nateglinide oppure placebo prima dei pasti principali , oltre ai 2.000 mg di Metformina , 2 volte die per 24 settimane.
Al termine dello studio, i pazienti del gruppo Nateglinide ( 120 mg ) ha presentato una riduzione di HbA1c in media dello 0,6%.
L’incidenza di ipoglicemia nel gruppo trattato con Nateglinide 120 mg è stata del 3,1%.  ( Xagena 2002 )



Indietro