Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter

Prolia, trattamento della perdita ossea negli uomini con osteoporosi ad alto rischio di frattura


Amgen ha annunciato che la FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato una nuova indicazione per Prolia ( Denosumab ) come trattamento per aumentare la massa ossea negli uomini con osteoporosi ad alto rischio di frattura.
Prolia, il primo inibitore del ligando RANK ( RANKL ), è una iniezione sottocutanea somministrato da un operatore sanitario ogni sei mesi.

Secondo la National Osteoporosis Foundation, due milioni di uomini negli Stati Uniti hanno l'osteoporosi e altri 12 milioni sono a rischio.
L’osteoporosi e le fratture osteoporotiche negli uomini rimangono sottodiagnosticate e poco trattate.

La nuova indicazione per Prolia si basa sui risultati dello studio di fase III ADAMO ( A multicenter, randomized, double-blind, placebo-controlled study to compare the efficacy and safety of DenosumAb 60 mg every six months versus placebo in Males with Osteoporosis ), che ha coinvolto 242 uomini con bassa densità minerale ossea ( BMD ).

Sono stati arruolati uomini di età compresa tra 30 e 85 anni con bassa densità minerale ossea ( T-score inferiore o uguale a -2.0 e maggiore o uguale -3.5 a livello della colonna lombare o al collo del femore ) o che avevano sperimentato in precedenza una frattura osteoporotica e avevano un T-score inferiore o pari a -1,0 e maggiore o uguale -3.5.
I pazienti sono stati randomizzati ( rapporto 1:1 ) a ricevere 60 mg di Prolia ogni sei mesi oppure placebo. Tutti i pazienti hanno ricevuto quotidianamente Calcio e Vitamina-D per tutta la durata dello studio.

L'endpoint primario dello studio era la variazione percentuale rispetto al basale della densità minerale ossea della colonna lombare a 1 anno. Gli endpoint secondari di efficacia includevano la variazione percentuale della densità minerale ossea totale dell'anca e del collo femorale dal basale a 12 mesi.

Il trattamento con Prolia ha prodotto significativamente maggiori guadagni a livello della colonna lombare rispetto al placebo ( 5.7% vs 0.9% ).
Gli effetti di Prolia sulla densità minerale ossea erano indipendenti da età, dai livelli di testosterone al basale, dallo stato di densità minerale ossea e dal rischio stimato di fratture.

Ulteriori risultati hanno mostrato che i pazienti dello studio che hanno ricevuto il trattamento con Prolia sono andati incontro a incrementi della densità minerale ossea in tutti gli altri siti scheletrici valutati, rispetto al placebo, anche a livello dell'anca ( 2.4% vs 0.3% ) e al collo del femore ( 2.1% vs 0.0% ).

I risultati di sicurezza sono stati coerenti con ciò che era osservato in altri studi di Prolia nelle donne in postmenopausa con osteoporosi.
Le reazioni avverse più comuni riportate ( incidenza superiore al 5% ) sono state: mal di schiena, artralgia e rinofaringite.

Prolia è anche approvato per il trattamento delle donne in postmenopausa con osteoporosi ad alto rischio di frattura, definita come una storia di fratture osteoporotiche, o più fattori di rischio per la frattura; oppure pazienti che hanno fallito o sono risultati intolleranti ad altre terapie anti-osteoporotiche.

Informazioni di sicurezza
Prolia è controindicato nei pazienti con ipocalcemia. L’ipocalcemia preesistente deve essere corretta prima di iniziare il trattamento con Prolia.
Prolia è controindicato nelle donne in gravidanza e può causare danni al feto.
I pazienti trattati con Prolia non dovrebbero ricevere Xgeva ( Denosumab ).

L’ipocalcemia può peggiorare con l'uso di Prolia, specialmente nei pazienti con insufficienza renale grave. Tutti i pazienti devono essere adeguatamente integrati, a cadenza giornaliera, con Calcio e Vitamina D.

Nello studio di fase 3 cardine di donne con osteoporosi post-menopausale ( n=7.808 ), infezioni gravi che hanno portato a ospedalizzazione sono state riportate più frequentemente nel gruppo di pazienti trattato con Prolia. Gravi infezioni cutanee, così come le infezioni a livello addominale, del tratto urinario e dell'orecchio, erano più frequenti nei pazienti trattati con Prolia.
I pazienti devono essere avvisati di consultare un medico se si sviluppano segni o sintomi di infezione grave, tra cui la cellulite. L’endocardite è stata riportata più frequentemente nel gruppo di pazienti trattato con Prolia.

Sono stati riportati eventi avversi dell'epidermide e del derma come dermatiti, eritemi ed eczemi. L'interruzione di Prolia deve essere presa n considerazione se si sviluppano sintomi gravi.

Negli studi clinici in donne in postmenopausa con osteoporosi, Prolia ha determinato una significativa soppressione del rimodellamento osseo. Il significato di queste osservazioni non è nota. Le conseguenze a lungo termine del grado di soppressione del rimodellamento osseo osservato con Prolia possono contribuire a esiti avversi, quali osteonecrosi della mascella ( ONJ ), fratture atipiche e ritardata guarigione della frattura. Osteonecrosi della mascella e fratture atipiche sono state riportate nei pazienti con Prolia. I pazienti devono essere monitorati per questi esiti avversi.

La misura in cui Prolia è presente nel liquido seminale è sconosciuta. Per gli uomini trattati con Prolia, esiste una potenziale esposizione del feto qualora la partner sessuale sia incinta. Mentre il rischio è probabile che sia basso, i pazienti devono essere informati di questo rischio potenziale. ( Xagena2012 )

Fonte: Amgen, 2012

Endo2012 Farma2012


Indietro