Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Pneumobase.it

Relazione tra ipercolesterolemia familiare e alti livelli di colesterolo LDL e ictus ischemico: Copenhagen General Population Study


L'ipercolesterolemia familiare ( FH ) è una condizione caratterizzata da concentrazioni molto elevate di colesterolo da lipoproteine a bassa densità ( LDL ) e alto rischio di cardiopatia ischemica incluso l’infarto miocardico.
Tuttavia, vi sono informazioni limitate e contraddittorie sul fatto che l'ipercolesterolemia familiare e l'alto livello di colesterolo LDL conferiscano un elevato rischio di ictus ischemico.

È stata esaminata l'ipotesi secondo cui gli individui nella popolazione generale con ipercolesterolemia familiare e/o colesterolo LDL alto abbiano un rischio più elevato di ictus ischemico.

Le associazioni di ipercolesterolemia familiare e colesterolo LDL alto con rischio di ictus ischemico sono state verificate in analisi causali, genetiche e osservazionali utilizzando 106.412 individui dallo studio CGPS ( Copenhagen General Population Study, 2.823 con ictus ischemico e 3.792 con infarto miocardico ) e/o 10.372 individui dallo studio CCHS ( Copenhagen City Heart Study, 945 con ictus ischemico e 1.142 con infarto miocardico ).

Le mutazioni causali di ipercolesterolemia familiare erano LDLR W23X ( rs267607213 ), W66G ( rs121908025 ) e W556S e APOB R3500Q ( rs5742904 ).

Un disegno di randomizzazione mendeliana ha verificato se l'alto colesterolo LDL di per sé avesse un effetto causale sul rischio di ictus ischemico, utilizzando una combinazione delle mutazioni causali di ipercolesterolemia familiare e varianti genetiche comuni associate al alto livello di colesterolo LDL.

Le incidenze cumulative negli individui nello studio CGPS ​​con e senza mutazioni causali di ipercolesterolemia familiare erano simili per ictus ischemico ( P=0.50 ) ma non per infarto miocardico ( P minore di 0.001 ): a 80 anni, il 4% e il 7% di questi individui hanno sviluppato ictus ischemico e il 20% e l'8% infarto miocardico, con risultati simili nello studio CCHS.

Non è stata evidenziata alcuna associazione tra ipercolesterolemia familiare clinica e ictus ischemico, eccetto se la malattia cardiaca ischemica prematura personale era inclusa nei criteri clinici di ipercolesterolemia familiare.

La cardiopatia ischemica al basale era associata a un più alto rischio di ictus ischemico, che spiegava il rischio più alto di ictus ischemico nei pazienti con alti livelli di colesterolo LDL.

Per un colesterolo LDL superiore di 1 mmol/l, il rapporto di rischio causale genetico era 1.11 per ictus ischemico e 1.45 per infarto miocardico.

In conclusione, l'ipercolesterolemia familiare e gli alti livelli di colesterolo LDL non hanno conferito un aumentato rischio di ictus ischemico.
Una associazione positiva con ictus ischemico osservata per alcuni criteri clinici di ipercolesterolemia familiare e colesterolo LDL elevato sembra essere dovuta alla precedente cardiopatia ischemica, piuttosto che al colesterolo LDL alto di per sé. ( Xagena2018 )

Beheshti S et al, Circulation 2018; 138: 578-589

Cardio2018 Endo2018 Neuro2018



Indietro