Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Gastrobase.it

Rischio infiammatorio e colesterolo nello studio FOURIER


Nello studio FOURIER ( Further Cardiovascular Outcomes Research With PCSK9 Inhibition in Patients With Elevated Risk ), l'inibitore di PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina / kexina tipo 9 ) Evolocumab ha ridotto il colesterolo da lipoproteine a bassa densità (LDL-C) e il rischio cardiovascolare.

Non è noto se l'efficacia di Evolocumab ( Repatha ) sia modificata dal rischio infiammatorio al basale.
È stata esaminata l'efficacia di Evolocumab stratificando per la proteina C-reattiva ad alta sensibilità basale ( hsCRP ).
È stata anche valutata l'importanza del rischio infiammatorio e di colesterolo residuo attraverso l'intervallo di concentrazioni del colesterolo LDL durante il trattamento.

I pazienti ( n=27.564 ) con malattia cardiovascolare aterosclerotica stabile e colesterolo LDL maggiore o uguale a 70 mg/dl in trattamento con una statina sono stati assegnati in modo casuale a Evolocumab rispetto a placebo e seguiti per una mediana di 2.2 anni.

Gli effetti di Evolocumab sull'endpoint primario di morte cardiovascolare, infarto miocardico, ictus, ospedalizzazione per angina instabile o rivascolarizzazione coronarica e l'endpoint secondario di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus sono stati confrontati tra gli strati di hsCRP al basale ( inferiore a 1, 1-3 e superiore a 3 mg/dl ).
Gli esiti sono stati valutati anche attraverso i valori per hsCRP basale e colesterolo LDL a 1 mese nell'intera popolazione di studio.
Sono stati valutati modelli multivariabili aggiustati per variabili associate a hsCRP e colesterolo LDL a 1 mese.

In totale 7.981 ( 29% ) pazienti avevano hsCRP al basale inferiore a 1 mg/l, 11.177 ( 41% ) avevano hsCRP da 1 a 3 mg/l, e 8.337 ( 30% ) avevano hsCRP superiore a 3 mg/l.
Il valore mediano di hsCRP al basale è stato pari a 1.8 mg/l e i livelli non sono stati modificati da Evolocumab ( variazione a 48 settimane di -0.2 mg/dl in entrambi i bracci di trattamento ).

Nel braccio placebo, i pazienti in categorie hsCRP basali superiori hanno avuto tassi significativamente più alti degli endpoint primari e secondari secondo analisi di Kaplan-Meier a 3 anni: 12.0%, 13.7% e 18.1% per l'endpoint primario ( P tendenza minore di 0.0001 ) e 7.4%, 9.1% e 13.2% per l'endpoint secondario ( P tendenza minore di 0.0001 ) per categorie inferiori a 1, da 1 a 3 e superiori a 3 mg/dl, rispettivamente.

Le riduzioni del rischio relativo per l'endpoint primario e l'endpoint secondario con Evolocumab erano coerenti tra gli strati di hsCRP ( P interazione maggiore di 0.15 per entrambi ).
Per contro, le riduzioni del rischio assoluto con Evolocumab tendevano a essere maggiori nei pazienti con più alti valori di hsCRP: 1.6%, 1.8% e 2.6% e 0.8%, 2.0% e 3.0%, rispettivamente, per gli endpoint primari e secondari attraverso gli strati di hsCRP.

nelle analisi aggiustate dell'associazione tra livelli di colesterolo LDL e hsCRP e rischio cardiovascolare, sia il colesterolo LDL che hsCRP sono risultati indipendentemente associati con l’esito primario ( P minore di 0.0001 per ciascuno ).

In conclusione, la riduzione di colesterolo LDL con Evolocumab ha ridotto gli eventi cardiovascolari tra gli strati di proteina C-reattiva ad alta sensibilità con una maggiore riduzione del rischio assoluto nei pazienti con hsCRP basale superiore.
I tassi di eventi erano più bassi nei pazienti con valori più bassi di hsCRP e di colesterolo LDL. ( Xagena2018 )

Bohula EA et al, Circulation 2018; 138: 131-140

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro