Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Mediexplorer.it

Studio RUTHERFORD-2: risultati positivi con Evolocumab nei pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote


Amgen ha annunciato che lo studio di fase 3 RUTHERFORD-2 ( RedUction of LDL-C with PCSK9 InhibiTion in HEteRozygous Familial HyperchOlesteRolemia Disorder Study-2 ), che sta valutando Evolocumab in combinazione con le statine e altre terapie ipolipemizzanti nei pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote ( HeFH ), ha raggiunto gli endpoint co-primari: riduzione percentuale dal basale dei livelli di colesterolo LDL alla settimana 12 e riduzione percentuale media dal basale di colesterolo LDL alle settimane 10 e 12.
Le riduzioni percentuali medie nel colesterolo LDL sono state in linea con i risultati osservati per le stesse dosi nello studio di fase 2 RUTHERFORD con Evolocumab versus placebo.

Evolocumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che inibisce la proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), una proteina che riduce la capacità del fegato di eliminare il colesterolo LDL dal sangue.

Lo studio RUTHERFORD-2 ha valutato la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia di Evolocumab in 329 pazienti con ipercolesterolemia familiare eterozigote ( colesterolo LDL maggiore di 100 mg/dL ) trattati con una dose stabile di statine e altre terapie ipolipemizzanti.
I pazienti sono stati randomizzati a uno di quattro gruppi di trattamento con l’obiettivo di confrontare Evolocumab per via sottocutanea ( 140 mg ogni due settimane o 420 mg al mese ) con placebo per via sottocutanea ( ogni due settimane o mensile ).

Gli endpoint co-primari erano la riduzione percentuale dal basale di colesterolo LDL alla settimana 12 e la riduzione percentuale media dal basale di colesterolo LDL alle settimane 10 e 12.
Endpoint di efficacia co-secondari comprendevano alle settimane 10 e 12 e alla settimana 12: variazioni assolute rispetto al basale di colesterolo LDL; colesterolo LDL inferiore a 70 mg/dL, e variazione percentuale rispetto al basale del colesterolo non-HDL, apolipoproteina B ( ApoB ), rapporto colesterolo totale / colesterolo HDL, rapporto ApoB / apolipoproteina A1 ( ApoA1 ), lipoproteina (a), trigliceridi, colesterolo HDL e colesterolo VLDL.

I più comuni eventi avversi ( maggiori o uguali al 2% nel gruppo Evolocumab e superiori o uguali al 2% rispetto al placebo ) sono stati: nasofaringite ( 8.6% Evolocumab; 4.6% placebo ), lividi ( 4.1% vs 0.9% ), dolore alla schiena ( 3.6% vs 0.9% ), nausea ( 3.6% vs 0.9% ), sintomi influenzali ( 3.2% vs 0.0% ) e mialgia ( 2.7% vs 0.0% ). ( Xagena2014 )

Fonte: Amgen, 2014

Endo2014 Cardio2014 Farma2014


Indietro