Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Supplemento di Vitamina-D e fratture incidenti negli adulti di mezza età e anziani


Gli integratori di Vitamina-D sono ampiamente raccomandati per la salute delle ossa nella popolazione generale, ma i dati sulla prevenzione delle fratture non sono ben definiti.

In uno studio ausiliario dello studio VITAL ( Vitamin D and Omega-3 Trial ), si è testato se la Vitamina D3 supplementare comporti un minor rischio di fratture rispetto al placebo.
VITAL era uno studio fattoriale, randomizzato e controllato due per due che ha studiato se l’integrazione di Vitamina D3 ( 2000 UI al giorno ), Acidi grassi n-3 ( 1 g al giorno ) o entrambi prevenissero il tumore e le malattie cardiovascolari negli uomini di 50 anni di età o superiore e nelle donne di età pari o superiore a 55 anni negli Stati Uniti.

I partecipanti non sono stati reclutati sulla base di carenza di Vitamina-D, massa ossea ridotta o osteoporosi.
Le fratture incidenti sono state segnalate dai partecipanti su questionari annuali e giudicate da una revisione centralizzata delle cartelle cliniche.

Gli endpoint primari erano le fratture incidenti totali, non-vertebrali e dell'anca.
Le analisi erano intention-to-treat ( ITT ).

Tra 25.871 partecipanti ( 50.6% donne, 13.085 su 25.871, e 20.2% neri, 5.106 su 25.304 ), sono state confermate 1991 fratture incidenti in 1.551 partecipanti su un follow-up mediano di 5.3 anni.

La Vitamina D3 supplementare, rispetto al placebo, non ha avuto un effetto significativo sulle fratture totali ( che si sono verificate in 769 partecipanti su 12.927 nel gruppo Vitamina-D e in 782 partecipanti su 12.944 nel gruppo placebo; hazard ratio, HR=0.98; P=0.70 ), fratture non-vertebrali ( HR=0.97 P=0.50 ) o fratture dell'anca ( HR=1.01; P=0.96 ).

Non vi è stata alcuna modifica dell'effetto del trattamento in base alle caratteristiche di base, inclusi età, sesso o gruppo etnico, indice di massa corporea ( BMI ) o livelli sierici di 25-Idrossivitamina D.

Non ci sono state differenze sostanziali tra i gruppi negli eventi avversi valutati nello studio genitore.

In conclusione, l'integrazione di Vitamina D3 non ha comportato un rischio di fratture significativamente inferiore rispetto al placebo tra gli adulti di mezza età generalmente sani e gli anziani che non sono stati selezionati per carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi. ( Xagena2022 )

LeBoff MS et al, N Engl J Med 2022; 387: 299-309

Endo2022 Farma2022



Indietro